DIFENDERE LA VERA FEDE
printprintFacebook

A tutti voi che passate da qui: BENVENUTI
Se avete desiderio di capire che cosa insegna la Bibbia che il Magistero della Santa Chiesa, con il Sommo Pontefice ci insegna, questo Gruppo fa per voi. Non siamo "esperti" del settore, ma siamo Laici impegnati nella Chiesa che qui si sono incontrati da diverse parti d'Italia per essere testimoni anche nella rete della Verità che tentiamo di vivere nel quotidiano, come lo stesso amato Giovanni Paolo II suggeriva.
[IMG]https://farm3.staticflickr.com/2916/14252724165_138bacfd95_o.jpg[/IMG] [IMG]https://farm3.staticflickr.com/2924/14270136943_c276020ff5_o.jpg[/IMG]
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Previous page | 1 | Next page
Facebook   La Bestemmia contro lo Spirito SantoLast Update: 5/2/2011 6:11 PM
Author
Print | Email Notification    
ONLINE
Post: 25,434
Gender: Female
1/16/2009 12:07 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Diverse volte abbiamo sentito parlare della "bestemmia contro lo Spirito Santo", un peccato imperdonabile, tuttavia tante volte siamo rimasti col dubbio riguardo il suo significato.


Una volta ho chiesto al mio Padre Spirituale e mi ha risposto che uno dei significati era di chiudersi in se stessi e rifiutare la salvezza di Dio, nonostante avere riconosciuto che Gesù era morto e risorto per noi.

Questa bella meditazione l'ho trovata in internet, ed è di Don Renzo Lavatori, un docente di teologia, la condivido con voi, io l'ho trovata molto edificante.


 

Il peccato contro lo Spirito Santo

di Don Renzo Lavatori, docente di teologia


Dai testi sinottici
(Mt 12,31-32; Mc 3,28-30; Lc 12,10) sappiamo che il peccato o la bestemmia contro lo Spirito non è perdonata. Con l’espressione «bestemmia contro lo Spirito» non s’intende l’atto di dire alcune parole contro lo Spirito Santo né di fare azioni particolari, ma piuttosto un atteggiamento interiore di opposizione allo Spirito, che può condurre conseguentemente a compiere gesti malvagi o a dire parole menzognere.


Quest’atteggiamento è dato dallo spirito umano che si pone contro lo Spirito di Dio cioè contro lo Spirito Santo. Ora lo Spirito Santo è il dono dell’amore misericordioso del Padre ed è lui che rivela la verità salvifica di Gesù nostro unico Salvatore. Quando lo spirito umano assume una posizione contraria all’amore del Padre e alla verità di Cristo, esso cade nella bestemmia contro lo Spirito Santo e commette un peccato imperdonabile.


L’opposizione spirituale
a Dio può avere due risvolti diversi e complementari: uno per eccesso e uno per difetto.


1. Quello
per eccesso si attua quando l’uomo considera il proprio peccato più grande dell’amore misericordioso di Dio; quando pensa cioè che il suo peccato non possa essere perdonato da Dio, perché troppo al di là della possibilità concessa dal perdono divino. Mette un limite alla misericordia divina e la ritiene incapace o impotente di assolvere il peccato o i peccati commessi.

Questo stato d’animo conduce alla disperazione quale rifiuto radicale dell’amore redentore come se questo non volesse o non potesse perdonare peccati così gravi, vanificando in tal modo l’azione salvifica di Gesù con la sua morte in croce.

Si tratta di una tra le più grandi menzogne: riputare come impotente e limitata l’infinita potenza dell’amore di Dio, che si è rivelato e concretizzato nella Pasqua di Cristo e che costituisce la manifestazione di un amore che più grande non esiste, come afferma Gesù stesso: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gv 15,13).


La bestemmia contro lo Spirito
, (il quale, come si è detto, è il Dono dell’amore supremo del Padre e del Figlio) nega o rifiuta precisamente quest’amore e chiude l’uomo in se stesso, nella propria durezza di cuore. Per questa ragione non è perdonabile, non perché Dio non lo voglia o non lo possa perdonare, Lui che è la fonte del perdono, ma perché l’uomo crede di non poter essere perdonato e si rende perciò irraggiungibile e inafferrabile dal perdono divino; resta come totalmente impermeabilizzato all’acqua viva che sgorga dal cuore trafitto di Gesù e, attraverso di Lui, dall’amore infinito del Padre, cioè dallo Spirito Santo.


2. Quello per difetto è dato dall’uomo
che, al contrario del caso precedente, non tiene conto del proprio peccato, considerandosi privo d’ogni imperfezione e debolezza, completamente a posto e giusto sotto tutti gli aspetti e pertanto non si ritiene bisognoso di perdono.

È lo stato di colui che si considera ineccepibile e perfetto per i suoi meriti e non per la grazia di Dio. In tal modo egli vanifica l’azione redentrice compiuta da Cristo quale unica fonte di salvezza e di giustificazione. Non accetta l’intervento misericordioso di Dio, il dono del suo amore e del suo perdono, perché non ne ha bisogno in quanto è senza peccato.


La convinzione di essere senza peccato costituisce la più grande delle menzogne, come viene affermato da Giovanni:
«Se diciamo che siamo senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi. Se riconosciamo i nostri peccati, egli che è fedele e giusto ci perdonerà i peccati e ci purificherà da ogni colpa. Se diciamo che non abbiamo peccato, facciamo di lui un bugiardo e la sua parola non è in noi» (1Gv 1,8-10). Ciò è precisamente la bestemmia contro lo Spirito Santo, che è lo Spirito di verità, Colui che rivela la verità salvifica di Gesù e l’amore del Padre. Infatti è lo Spirito che convince il mondo circa il peccato (Gv 16,8), nel senso che fa scoprire l’estrema povertà e miseria spirituale dell’uomo, che può essere risanato unicamente dalla misericordia del Padre attuata con l’incarnazione, la morte e la risurrezione di Cristo suo Figlio.


Coloro che si rendono conto di tale situazione di peccato e della necessità di accogliere la salvezza divina, si trovano nella situazione migliore per ottenere il perdono di Dio; coloro invece che non riconoscono la propria miseria, si rendono indisposti e chiusi all’azione redentrice di Cristo e rimangono privi della sua misericordia. Ciò non perché Dio non voglia loro perdonare, ma perché il perdono non può essere riversato su chi non avverte il bisogno di perdono e non lo chiede. L’uomo si fa così impenetrabile alla grazia dello Spirito, restando prigioniero della propria tenebra interiore. È veramente uno stato di profonda chiusura spirituale che impedisce ogni possibile conversione:
«L’uomo resta chiuso nel peccato, rendendo da parte sua impossibile la sua conversione e, dunque, anche la remissione dei peccati, che ritiene non essenziale e non importante per la sua vita. È, questa, una condizione di rovina spirituale, perché la bestemmia contro lo Spirito Santo non permette all’uomo di uscire dalla sua auto-prigionia e di aprirsi alle fonti divine della purificazione delle coscienze e della remissione dei peccati» (Dominum et Vivificantem, 46).


Il peccato contro lo Spirito non è solo degli uomini
che vivono immersi nella mentalità materialistica ed edonistica del mondo, ma anche di coloro che, incamminati sulla strada dell’impegno cristiano, restano impigliati nella propria auto-gratificazione e non sentono più la necessità di purificarsi e di rinnovarsi incessantemente, oppure, incappati nel peccato, non hanno il coraggio e l’umiltà di tendere la mano a Dio per ottenere la sua amorosa misericordia.


Da qui l’importanza di pregare lo Spirito Santo affinché non si attenui nel cuore umano la sensibilità al bene e al male e la sua azione rimanga sempre viva in esso per sospingerlo continuamente alla penitenza e alla richiesta del perdono divino. In altre parole, si tratta di restare costantemente avvolti dall’amore dolcissimo del Padre e del Figlio Gesù, che è lo Spirito Santo, attenti alle sue ispirazioni interiori, docili ai suoi richiami e disponibili ai suoi orientamenti.


Sia lodato Gesù Cristo, Gino


[SM=g1740744] [SM=g1740744] [SM=g1740744] [SM=g1740744] [SM=g1740744]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 25,434
Gender: Female
5/2/2011 6:11 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote


Padre Alexandre ( Men): I cristiani tiepidi

Padre Alexandre era un sacerdote ortodosso russo ucciso in odio alla fede.


Spesso, cio che si spaccia per orotodossia o un'altra confessione cristiana è semplicemente la religiosità naturale che, in sé, è una sorta di oppio per i popoli.
Essa funziona come una specie di anestetico spirituale, che aiuta una persona ad adattarsi al mondo che la circonda, sul quale si può attaccare lo slogan: "Benedetto colui che crede che è dolce  stare al mondo".  E' tutto falso! ... Il vostro Dio è un fuoco divorante e non un focolare e vi chiama verso un luogo dove soffia ogni sorta di venti freddi; ciò che voi immaginate non esiste.
Voi avete adattato e sviluppato un insegnamento totalmente differente, in funzione dei vostri bisogni umani. Voi avete trasformato il cristianesimo in una religione mediocre, "popolare" ...

Il cristianesimo può essere autentico e può essere falso. La forma falsa è sempre la più comoda. E' la nostra odierna, perché la vita religiosa contemporanea si caratterizza spesso per una falsità ecclesiale, dove le gente preferisce ciò che è pratico, calmo e piacevole, conforme alle propie idee, ciò che consola, ciò che è amabile.
Non è ciò che il Signore ci ha detto quando ha affermato "la porta è stretta" e "la via è stretta".
Dobbiamo comprendere, ancora e ancora, che questo Spirito non è di calore, ma di fuoco. Si ratta di un fuoco.



****************************


breve riflessione mia


Interessante riflessione, anche molto provocatoria, direi al punto giusto tanto da farmi ricordare dal Dialogo della Divina Provvidenza di santa Caterina da Siena, quelle parole di "fuoco" con le quali Ella spiega il Fuoco stesso dello Spirito Santo, di come arde, di come attende di essere acceso (cfr al Vangelo), di come in quel "morire a noi stessi" fa spazio a questo Fuoco che se non arde dentro di noi non produrrà alcun frutto...
Compito dello Spirito Santo è infatti ARDERE, mentre spesso lo si usa o lo si dipinge come una sorta di "venticello" o di "forzxa attiva al servizio di Dio, dimenticando che Egli è la Terza Persona della Trinità e con il Padre e il Figlio opera per una sola e medesima Volontà...

^__^ grazie per queste riflessioni!


Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:19 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2014 FreeForumZone snc - www.freeforumzone.com